Aerei-Italiani.net  Articoli Storici

Avio Magni « Vale »

 








Avio Magni “Vale” in costruzione



 

Pur appartenendo alla categoria degli apparecchi da turismo ha caratteristiche di robustezza e qualità di volo assai elevate, ed è munito dei più recenti dispositivi, quali i freni aerodinamici, la curvatura variabile dell'ala, le ruote oleo-elastiche ammortizzanti perpendicolarmente su carrello rigido, freni pneumatici, atteratoie di coda a ruota orientabile, ecc.

La fusoliera è di legno a regione circolare, con una testa metallica smontabile monoblocco, costituente il gruppo motopropulsore.


Due gambe profilate in legno sostengono ciascuna un semi-assale incorporato ad un puntone in tubo d'acciaio, affusolato da caricatura. Ciascun semi-assale reca una ruota elastica « Magni» racchiudente nel suo interno il sistema ammortizzatore di sospensione.

Le ali, a due longheroni, hanno aspetto rastremato ed a freccia e portano alettoni comprendenti tutto il tratto posteriore allungherone poppiero, suddivisi in alettoni di sbandamento e alettoni di curvatura.

Il motore è un Farina T-58 di c. v. 130, di tipo radiale fino, raffreddato ad aria, aerodinamicamente carenato da una cappottatura in 3 parti.

L'elica è metallica a pale orientabili a terra ed ha il mozzo ricoperto da un'ogiva penetrante.

L'intero sistema aerodinamico di montaggio, copertura e circolazione d'aria attorno al motore è effettua to secondo il sistema e i brevetti « Magni ».

Un cenno speciale meritano il dispositivo di curvatura e il freno aerodinamico. Col primo si può variare il profilo e l'incidenza dell'ala. Il profilo, passando dalla forma normale alle forme corrispondenti ad angoli positivi di calettamento dell'alettone, aumenta di qualità portante, cioè è capace di fornire a pari angoli d'incidenza una maggiore sostentazione, sia pure a scapito di un leggero aumento di resistenza. Il profilo cioè si trasforma in altro più atto ai regimi di volo di salita e di volo lento (atterraggio).

Contemporaneamente abbassando l'alettone si viene ad accrescere l'angolo di incidenza convenzionale dell'ala, e quindi a portarsi verso angoli di maggiore sostentazione senza variare l'assetto della fu soliera e senza aumentare le resistenze passive dovute alle parti non portanti del velivolo.

Rialzando invece l'alettone,si ha una inversa serie di fenomeni, e si trasforma il profilo in altro più adatto ai regimi di volo veloci a bassa quota.

Quanto al freno aerodinamico esso è costituito dalla mobilità parziale delle alette di sostegno, in modo da agire quali riduttori di finezza senza effetto sulla portanza con puro incremento di resistenza passiva.

Il freno aerodinamico Magni fu ideato dall'inventore nel 1919 e fu messo progressivamente a punto attraverso una lunga serie di esperienze aerodinamiche e di prove al vero. La prima applicazione in volo di un dispositivo simile fu realizzata nel 1924 sull'aeroplano-laboratorio Magni «Vittoria », mediante due diverse forme di alette mobili, di varia forma, superficie ed allungamento.


Il tipo di freno studiato per il Magni « Valle» differisce dai precedenti in quanto la mobilità della aletta. di sostegno è limitata al braccio posteriore del « V» che ne schematizza la forma. La rotazione di un tal braccio sul suo asse fino a presentarsi ortogonalmente contro la corrente del vento può essere bloccata a qualunque incidenza intermedia, producendo così un frena menta aerodinamico dell'entità desiderata, la cui risultante passa tuttavia in ogni caso per il bari centro dell'aeroplano. Questa particolarità della posizione centrale del freno aerodinamico rispetto all'insieme del velivolo è una delle più importanti caratteristiche del freno Magni, e permette la sua applicazione agli apparecchi più veloci e delicati, che appunto per la loro finezza ne hanno maggiormente bisogno.

Caratteristiche :

Apertura alare ..... m. 8,900

Lunghezza totale .....m. 5.500

Altezza totale ......m. 2,020

Superficie portante alare......mq. 10,690

Carda media alare ......m. 1,21

Superficie portante alette .mq. 1,900

Superficie portante gambe carrello..mq. 0,440

Superficie portante totale .... m1. 13,030

Superficie di ogni alettone di sban.... mq. 0,956

Superficie di ogni alettone curv....mq. 0,470

Superficie totale alettoni semiala .. mq. 1,426

Superficie totale della stabilizzatore ..mq. 0,834

Superficie dell'equilibratore mq. 0,766

Superficie della deriva ....mq. 0,600

Superficie del timone...... mq.0,443

Peso a vuoto .....kg. 540

Peso totale....kg. 765

Potenza a 1800 giri ..... c.v. 130

Carico superficiale kg./mq. 21,6

Carico per cavallo .... kg./c.v. 5,88

Velocità massima....km./ora 250

Velocità di crociera...km./ora 200

Velocità minima ..... km./ora 90

Durata di volo ....ore 5

Autonomia......km....1000

R.G.


 

Avio Magni « Vale »

Correva l'anno 1936 Vi proponiamo un articolo apparso su "L'Aerotecnica" 3 fascicolo:










Progetto Avio Magni “Vale”